Skip to content

OLAFKORDER.NET

Blog di Olaf Korder. Pubblico qui la mia musica, video e libri preferiti per discutere!

SCARICA QUALE VERSIONE DI QGIS


    Contents
  1. Installazione OSGeo4W per sistemi Windows
  2. QGIS: OSGeo4W Network Installer | pigrecoinfinito
  3. problema installazione QGIS (osgeo4w 32 bit) Windows 10
  4. Lezione 26.11 – QGIS

Scarica QGIS per il tuo Sistema Operativo. I pacchetti binari La versione attuale di QGIS è la 'Zanzibar' ed è stata rilasciata il I repository a. Si prega di rimuovere tutti i pacchetti di QGIS e GRASS i quali potrebbero essere stati installati da Scarica i pacchetti per tutte le versioni di Fedora digitando. In GNU/Linux è possibile installare una versione per volta, che si aggiorna da sola, Nel sito ufficiale di olafkorder.net cliccare su scarica adesso. Scaricare una delle versioni precedenti . A differenza della versione precedente del sistema di inserimento dati, in questo Bisogna quindi prestare particolare attenzione a quel che si fa, limitandosi alle operazioni illustrate in questa guida. Si consiglia di scaricare ed installare la versione standalone per windows di Qgis . Vengono mantenute 2 versioni di qgis. Una è la "latest release" indicata per.

Nome: quale versione di qgis
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: Android. Windows XP/7/10. iOS. MacOS.
Licenza:Gratuito (* Per uso personale)
Dimensione del file:68.61 Megabytes

In questo articolo vediamo come farlo per la versione attuale di QGIS server, ovvero la 3. Ci sono 3 modalità di installazione: due automatiche express che fanno tutto da sole ed una manuale advanced che vi permette di scegliere cosa volete installare. Una raccomandazione: poichè QGIS server richiede la presenza di QGIS desktop altrimenti non funziona correttamente , è importante che anche questo componente venga installato nello stesso PC e che le versioni di entrambi siano uguali.

Non ci interessa capire come sono organizzate e cosa contengono le sue sottocartelle, ma comunque, avendo scelto di installare QGIS server, vi attenzioniamo almeno la presenza di queste due:. Il file di CONF da modificare è il httpd. Sempre modificando il file httpd. Quindi andiamo a cercare il gruppo di righe:. Poi, essendo il nostro modulo di QGIS server un file.

Per completare la configurazione di Apache, alla fine del file httpd. Attenzione a verificare che i percorsi indicati siano effettivamente quelli nel vostro sistema, altrimenti correggeteli opportunamente.

Scaricare il piccolo eseguibile dalla pagina del progetto OSGeo4W e procedere con l'installazione avanzata Advanced Install. E' possibile scegliere altre due opzioni, che possono tornare utili nel caso si debba installare su diversi computer gli stessi programmi, ovvero Download Without Installing, che scarica i pacchetti dentro una cartella temporanea e Install from Local Directory, che installa i pacchetti scaricati con l'opzione precedente. Dopo aver scelto Install from Internet scegliere "avanti" e lasciare cosi come sono le successive richieste per le cartelle d'installazione e connessione internet.

Dopo che il programma si sarà sincronizzato con i server si aprirà la finestra per la selezione dei pacchetti.

Aprire la sezione Desktop e cliccare più volte per scegliere la versione scelta nella colonna "New", nel nostro caso scegliere qgis-unstable: Quantum GIS. Nella sezione Libs è possibile scegliere delle librerie utili al nostro caso oltre a quelle di Default come ad esempio gdal-ecw o le librerie python.

Dopo di che il programma inizierà a scaricare i pacchetti e successivamente ad installarli. Breve introduzione all'utilizzo di QGIS, in particolare la guida farà riferimento alla versione 1. La parte di guida che segue, non ha la pretesa di essere un manuale, ma solo una quick start per chi ha già un "infarinatura" di gis e QGIS.

Installazione OSGeo4W per sistemi Windows

In rete esistono manuali molto professionali come quelli ufficiali , a cui si deve far in ogni caso riferimento per acquisire una conoscenza approfondita di tale software. QGIS ha un interfaccia unificata intuitiva e di semplice utilizzo. Oltre al menu principale in alto e la barra delle informazioni scala, coordinate Una buona regola quando si inizia un nuovo progetto è quella di impostarne subito le proprietà , come ad esempio il CRS Coordinate di Riferimento Spaziale.

Nel caso in cui si dovranno caricare file con CRS diverso da quello del progetto, è necessario spuntare in alto sempre nel tab CRS di proprietà del progetto l'opzione abilita la riproiezione al volo. Nel tab "generale" si possono impostare varie proprietà, fra le quali ricordiamo il nome del progetto e la modalita di salvataggio dei percorsi, nel caso in cui si deve lavorare agli stessi dati, spostandoli da un pc ad un altro, conviene salvare tutti i layer e progetti dentro un albero di cartelle facilmente trasportabile ed impostare salva percorsi relativi.

QGIS: OSGeo4W Network Installer | pigrecoinfinito

E' inoltre possibile abilitare la digitalizzazione topologica durante la digitalizzazione, ad esempio se si disegnano due poligoni adiacenti con evitare la sovrapposizione sullo stesso layer, quando si andrà a muovere un vertice del lato in comune dei due poligoni, la superficie del secondo si adatterà al primo.

Qui per layer s'intende gli strati informativi geografici che possono essere in formato vettoriale come ad esempio uno shp esri, raster come un geotif , database spaziali come postgis e spatialite , tracce GPS come i GPX solo con plugin e servizi web OGC come WMS e WFS solo con plugin.

Dallo stesso menù è possibile aggiungere un nuovo layer shp o spatialite od eliminare un layer caricato. Cliccando col tasto desto sul layer vettoriale o database caricato, oppure dal menù a tendina è possibile aprire la tabelle degli attributi , attivare o disattivare le modifiche , fare una query con la query builder, salvare l'intero vettoriale o una selezione anche in formato diverso, visualizzarne le proprietà e creare o aggiungerlo a dei gruppi di layer.

Dal menù proprietà del layer è possibile cambiare la vestizione del dato con diverse simbologie, aggiungere delle etichette o diagrammi in base agli attributi visualizzare e modificare il CRS.

Dal menù Visualizza è possibile navigare nella mappa con i normali comandi di zoom in e out, zoom su tutti i layer accesi, zoom sul layer selezionato e zoom sulla selezione, ultimo zoom e pan.

E' possibile selezionare o deselezionare gli elementi, visualizzarne le informazioni della tabella, se è in editing e l'area , effettuare misure a schermo di segmenti, area, angoli prima è necessario impostare il CRS , impostare dei segnalibri spaziali su cui poi fare zoom, inserire dei commenti sulla mappa e delle etichette in base ai campi dei layer.

problema installazione QGIS (osgeo4w 32 bit) Windows 10

E' inoltre possibile attivare o disattivare i pannelli, le barre degli strumenti e la modalità schermo intero. E' anche possibile ridisegnare la forma di un elemento con modifica forma , spezzarlo o unirne le geometrie merge.

Attivando il plugin Freehand editing paragrafo successivo è possibile disegnare a mano libera. E' consigliabile salvare ogni tanto la digitalizzazione ed alla fine disattivare la modifica. I plugins sono una parte fondamentale di QGIS, grazie ai quali è possibile aggiungere caratteristiche e funzioni in maniera modulare.

I plugins sono fra l'altro la prova lampante del lavoro e della partecipazione che sta dietro a questo progetto, infatti ogni settimana vengono aggiunti o aggiornati dei plugins direttamente dalla comunità che successivamente alla fase di test vengono inseriti direttamente nel codice di QGIS. Infatti da Plugins--Recupero plugin python si apre un gestore simili a synaptic per i sistemi debian con il quale è possibile scaricare, installare e disintallare i plugins dai repository esterni.

Nella prima tab si ha la lista dei plugin il loro stato e descrizione, nel tab repository c'è la lista dei server, dove la prima volta conviene attivare aggiungi repository da terze parti , nel terzo tab è possibile impostare ogni quanto il programma aggiorna la lista dei plugins e quali deve mostrare se solo quelli ufficiali, solo quelli stabili oppure tutti compresi quelli sperimentali.

I plugins sono stati scritti in python e possono necessitare di installare alcuni pacchetti da Synaptic o gestore pacchetti del sistema per funzionare. Seguirà una breve lista e descrizione di alcuni sono più di dei plugins presenti in QGIS 1.

QGIS permette la gestione di più layout di stampa per ogni progetto. Una volta aperta la finestra del layout si deve cliccare sull'icona aggiungi nuova mappa e disegnare con il cursore il rettangolo in cui verrà visualizzata.

Allo stesso modo si possono aggiungere immagini , etichette , legende , forme di base , frecce e tabelle degli attributi. Da qui è possibile cambiare la scale delle mappe, cambiare le forme degli oggetti, modificare le legende e i testi. Dal tab Generale è invece possibile impostare il formato della pagina, la risoluzione,e lo snapping fra gli oggetti. In questo capitolo vedremo tutti i passi necessari per fare questo.

Diamo per scontato che tu abbia già scaricato ed installato QGIS 2. Successivamente convertiremo questi dati un in database SQLite, che è un ambiente per creare database molto leggeri memorizzati in un unico file dentro al tuo sistema.

Infine creeremo un livello o più livelli che includono solo gli oggetti e i tag che ci interessano. La prima cosa che faremo sarà reperire dei dati OSM aggiornati. Possiamo farlo in diversi modi. Per estratti di grandi dimensioni puoi provare a scaricarli dal sito HOT export o da bbbike. Ricorda che se scarichi un file OSM compresso devi prima decomprimerlo in formato.

Lezione 26.11 – QGIS

Qui possiamo decidere quali etichette includere nel nostro layer di output. Questo ci dà la flessibilità di selezionare esattamente quali dati vogliamo accedere. Considera che non abbiamo creato un layer di soli edifici, ma uno che include tutti i poligoni presenti nei nostri dati originali che hanno i tag precedentemente selezionati.

Ritorna ad inizio pagina. Impara ad usare OpenStreetMap passo dopo passo. Per questo tutorial useremo le funzioni di download integrate in QGIS.